KOROKKE

Di Josep e Jonatan
Finished

Project financed successfully on 19/05/2017

486
127 % raggiunto 100%
+27%

Spagnolo, Inglese, Francese e Italiano.

Todo o nada

Finished

Si dice che esista un Oni che non divora gli esseri umani, come tutti gli altri. Un Oni chiamato Korokke cui sono attribuite imprese grandiose: sconfiggere il serpente traditore nel tempio del ciliegio o massacrare tutti i demoni-ninja della laguna nera. Queste leggende avranno un fondo di verità o saranno come le altre? Delle mere esagerazioni o Korokke è davvero l’abile guerriero di cui parlano queste storie?

Quale che sia la verità, è l’unica scelta che resta ad Anzu, una giovane in fuga. Caduta in disgrazia, ha deciso di rifiutare di arrendersi e di tenere testa a tutto e tutti, anche se avrà del filo da torcere per questo.

Il progetto

VIDEO

PAGINE DI FUMETTI E SINOSSI

-Usa le frecce o scorri per vedere tutte le immagini-

 

Le sorelle Anzu e Hanako crescono con il nonno Hideaki, un samurai veterano ed eroe di guerra, e lo zio Eiji, un inutile pigrone appassionato di scommesse e gran bevitore di sake. Hideaki riesce a far vivere alle bambine un’infanzia felice: pur non vivendo nel lusso, le sorelline sono circondate dall’affetto. Oltre a tutto quello che un bambino può imparare, Hideaki insegna loro che nel mondo esterno vivono tante creature, esseri strani e misteriosi, Yokai come il kappa Rokuro che, in cambio di cibo, gli procura delle erbe per aiutare Hanako, cagionevole di salute.

Tutto cambia improvvisamente quando il nonno delle due bambine muore. Lo zio Eiji, anziché prendersi cura di loro, vende l’eredità di suo padre, insieme alla sua armatura e al cognome, a una famiglia di mercanti avidi e ripugnanti. Inoltre, Hanako è costretta a sposare Goro, il primogenito dei mercanti, un uomo viscido e sgradevole. In questo modo, grazie a questo affare e alle nozze, i mercanti diventano una famiglia samurai: prendono il cognome del nonno, Nakamura, e anche la posizione sociale e i vantaggi che ne derivano.

Anche la piccola Anzu fa parte della vendita ed è costretta a diventare la loro serva. I mercanti non le rendono le cose semplici: la sua vita si trasforma in un incubo finché a seguito di un drammatico evento, disperata, afferra la katana di suo nonno e fugge.

I mercanti inviano una squadra al suo seguito: vogliono evitare lo scandalo, che potrebbe macchiare la loro reputazione e fargli perdere la nuova posizione sociale acquisita.

Anzu chiede aiuto a Rokuro, il suo unico amico, che non è abbastanza forte per difenderla ma le parla di una creatura, Korokke, un Oni diverso da tutti gli altri esemplari della sua specie. Korokke è un eroe leggendario che riuscirebbe a proteggerla da tutto. O, per lo meno, così dicono le leggende perché… che succederebbe se le storie sulle incredibili gesta di questa creatura non fossero vere? O se fossero solo delle esagerazioni?

CHARACTER DESIGN

-Usa le frecce o scorri per vedere tutte le immagini-

LE ORIGINI DEL PROGETTO KOROKKE (di Josep Busquet)

 

Spaceman Project ci contattò con l’intento di realizzare un fumetto a quattro mani con la loro casa editrice: era già da un po’ che l’editore teneva d’occhio il lavoro di Jonatan e che voleva pubblicare qualche suo lavoro (anche dei miei, eh? Quest’anno esce Nothin Personal! Se non conoscete questo progetto, dopo aver speso i vostri soldi per comprare Korokke, vi basterà solo un click per acquistare un sacco di copie di uno dei fumetti dell’anno). Dicevamo? Ah, sì! Io e Jonatan che realizziamo un fumetto a quattro mani per Spaceman Project. Cosa potevamo fare? Non è un segreto che mi piaccia scrivere storie in base all’autore che firmerà i disegni a corredo. Non ho sceneggiature chiuse in un cassetto a riempirsi di polvere, tantomeno amo riciclare dei progetti falliti (forse dovrei provarci un giorno o l’altro), adoro scrivere storie che possano piacere al disegnatore, che possano entusiasmarlo; amo il fatto che possa contribuire con delle idee e che possa sentirsi parte della storia: solo così si sentirà ancora più motivato a disegnare, anziché sentirsi costretto a creare dei disegni per ciò che più odia al mondo.

Ecco perché Korokke racchiude alcuni degli elementi che più amiamo come per esempio il Giappone, un luogo che entrambi adoriamo e che abbiamo visitato più e più volte. Abbiamo deciso di dedicargli una storia ambientata in un periodo non ben definito del passato di questo Paese, quando l’opera di civilizzazione occidentale non era ancora arrivata (o era giunta in punta di piedi, senza ancora provocare una rivoluzione nella nazione) e si viveva in un periodo dominato dal feudalesimo, caratterizzato dalla tipica tecnologia del Medioevo. Un luogo ricco di Yokai.

IL MONDO YOKAI

Alcuni di voi si staranno chiedendo: “Che cos’è uno Yokai?” (se lo sapete, potete già comprare un esemplare di Korokke nel formato che più vi piace). Gli Yokai sono come tutti gli altri tipi di creature fantastiche e mitologiche del Giappone, dagli spiriti agli Onis (degli orchi decisamente poco raccomandabili che adorano divorare le persone). Ci sono centinaia e centinaia di Yokai… alcuni, come i kappa, sono molto famosi in Occidente; altri, come gli Umi Bozu, sono meno conosciuti. Alcuni interagiscono con gli umani, altri li rifuggono e altri ancora gli rendono la vita impossibile.

Gli Yokai rappresentano anche la spiegazione per qualsiasi tipo di fenomeno: ci sono dei rumori strani, di notte, nel bosco? Sono prodotti da uno Yokai. Sono anche un ottimo motivo per spronare la gente a fare delle cose. Il tuo bagno è sudicio? È possibile che ci si infili un Akaname disposto a leccare via tutta la sporcizia. Alcuni si rallegrerebbero all’idea di non dover pulire però la stragrande maggioranza delle persone farebbe l'impossibile per liberarsi da uno Yonkai. Cosa penserebbero i vicini se sapessero che hai un Akaname in casa? Che sei un maiale, ovvio.

Korokke è una storia che riunisce tutto questo con un tocco di avventura, di dramma e di umorismo. Vi direi di correre a comprarlo ma sarei di parte. Vogliamo che Korokke diventi realtà e per questo abbiamo bisogno del tuo supporto.

IMPORTANTE

Siamo consapevoli dello sforzo che comporta un lavoro ben fatto e sia l’autore che noi di Spaceman Project siamo preparati. Amiamo questo modello e vogliamo portarlo a un altro livello in cui lettori, autori, editori e librerie siano i protagonisti. Per questo abbiamo tenuto in considerazione i piccoli dettagli e abbiamo definito una meta di raccolta fondi adeguata a quello che offriamo.

Il tempo di realizzazione dell’opera è di un massimo di 15 mesi dopo la campagna è conclusa.

Per concludere, ma non meno importante, tutte le illustrazioni presentate in questa campagna sono provvisorie e potranno essere soggette a modifiche una volta raggiunti i fondi necessari e cominciato il lavoro. Ciò riguarda solo le immagini di portata principali, non la storia, né il formato dell’opera né le ricompense offerte. Com’è lógico, stiamo presentando un progetto vivo e da realizzare. La creatività non ha limiti e nutriamo la convinzione che non si debba smettere di migliorare, per questo motivo ci siamo compromessi a garantire qualità ai nostri lettori.